Yogi Krishnanath



Average: 3.5 (17 votes)
Fast Facts
guruji1.jpg
Other Names and Nicknames: 
Birthname: Alessandro Pace
Function: 
Guru
Traditions: 
Nath Sampradaya
Main Countries of Activity: 
Italy, India ,
Date of Birth: 
06/02/1950
Place of Birth: 
Roma, Italy
In His/Her Body ("alive"): 
Yes
Other Related Gurus: 
Guru Gorakhnath Maharaj

Biography

Yogi Krishnanath is an Italian baba who was born as Alessandro Pace in Rome in 1950.

in August 1969 he started his journey to India in search of transcendence. He started his journet from Rome by hitchhiking and in India met several known spiritual personalities of the time, including Herakhan Baba (claimed to be a manifistation of Babaji) and Neem Karoli Baba.

He eventually met his guru, Govinda Nath, and through him entered into the Nath tradition.

After twenty years of living austere life as a yogi on Indian mountains (Almora village), he was forced to return to Italy due to bureaucratic problems. He come back to Rome and decided to build a Hindu temple on a field belonging to his family in the outskirts of Rome. The Temple, Called Kalimandir, is dedicated to the worship of Kali, Shiva and Gorakhsnath and is administrated by him and his partner, Gori Nath. She is Italian also. Her real name is Giuseppina, and she’s 65 years old.

He has dedicated his entire life to the Dharma Sanathan in order to spread in Italy the message of Nath Sampradaya.

It is possible to meet Yogi Krishnanath in Rome in the Kalimandir.

Italian Version:

giovanissimo l'italiano alessandro pace parte per l'india alla ricerca della trascendenza incontrando le più grandi personalità dei suoi tempi ,tra cui babaji di herakhan ,neem karoli baba, e tanti altri
alla fine giunge a piedi di loto del suo guruji Govinda Nath ed entra nella grande famiglia dei nath.
dopo vent'anni di austere pratiche e vita da yogi rientra in italia e decide di usufruire di una piccola proprietà familiare nella periferia di Roma come primo polo indiusta in italia costruendo un tempio che si chiama kalimandir dedicato al culto di kali, shiva e gorakhsnath.
egli ha dedicato tutta la sua vita al sanathan dharma lasciando tutto , per iniziare la vita austera del baba in italia e diffondere anche qui la più antica religione del mondo...
ora è qui in italia e per tutti c'è la possibilità di incontrarlo a roma in via oreste renelletti al kalimandir

la sua paramapara è:

paramdada dr ramnath maharaj
dada guru harinath maharaji
guruji govindanath maharaji

Teachings

God is one.

I bow with folded hands to Lord Shiva (auspicious).

Lord of the universe (Jagad-Pati).

Master of the world (Jagad-Guru).

Destroyer of Tripura (three cities: selfishness, sensuality and anger).

Lord of Uma (Uma Shankar), Gauri (Gauri Shankar) Ganga (Ganga Shankar).

Full of light (Jyotirmaya).

Knowledge and bliss (Chidanandamaya).

Lord of the Yogis (Yogesvara).

Storehouse of knowledge.

Known by several names: Mahadeva (famous God), Shankar (benevolent), Hara Shambo (auto-generated), Sadashiva, Rudra (the screamer), Nilakantha (blue-necked), Trilochana (three eyes), Jatadhara (which has tangled hair), Vishvanatha (Lord of the universe), Pashupati (Lord of Animals), Uma Maheswara (husband of Uma).

Shiva is known by the name of "Ghirisa" as the Lord of Mount Kailas.

HARA

He who in the time of disillusionment ( Pralaya ) brings out the world from itself .

Tripurari

Shiva is the destroyer of the Asuras (demons ) Tripura . He destroyed Tripura, the three cities of the Asuras , who were respectively made ​​of gold , silver and iron.

Nilakantha

To search for the nectar of the property, was mounted and skim across the ocean. At the end of the nectar in addition to the fine, he was one of the poisonous evil that nobody wanted .

Shiva to save the world swallowed it . This caused him a blue patch on the throat .

Therefore it is called Nilakantha .

SHANKAR

How merciful He is.

How loving and kind he is.

How big is your heart .

How magnanimous and autosplendente He is.

He also wears the skulls of His devotees as a garland around his neck.

He is the embodiment of renunciation , mercy, love and wisdom .

He grants benefits to its devotees willingly .

It ' a mistake to say that He is the destroyer.

The God Shiva is actually the regenerator.

It 's easier to please Shiva Hari ( Vishnu) .

A little bit of love and devotion, a little singing sincere enough to infulgere pleasure in Shiva.

When Lord Brahma and Lord Vishnu went to look for the origin of the head and feet of the God Shiva, He assumed an infinite expansive blaze of light ( Jyotir - Maya - Svarupa ) , who made vain attempts to delimit the contours of God .

OM is the mantra ( sacred syllable ) .

The verb is the beginning of creation.

The show of force is all-powerful vibration which appears as a peculiar sound OM .

Shiva in the guise of Parambrahma because creating and inert nature ( Prakriti ) emerges.

From OM - AUM - AMEN ( Pranava, the verb , the manifestation of the omnipotent force ), it is Kala ( Time ) , Desa (space) and Anu ( Atom ) vibratory structure of creation.

The LINGAM or DO when it is associated with Lord Shiva is worshiped in his appearance Saguna (meditation on the form ) .

The phallus is the organ through which the creative principle is visibly represented in the individual species.

The Bindu ( the red mark between the eyebrows) is the seed of creation.

Shiva says : "I do not distinguish by the foul. The phallus is identical to Me Wherever an erect phallus , are present myself , even if there are no other representations of Me "

The Shiva Lingam is in the Yoni is enclosed ( female organ ) .

Lingam The word simply means " distinguishing mark " or " brand."

The image of the phallus is meant to awaken the faithful to knowledge .

The Lingam thin and eternal is only felt by those who have attained knowledge.

The Lingam is the cosmic egg that includes the whole universe of names and forms.

The Shiva Lingam is the symbol of Lord Shiva.

There is a mysterious power or indescribable Sakti (energy) in the Lingam which causes the concentration of the mind.

As the mind is easily concentrated by focusing on a crystal , so the mind will get fixed when a large concentration Lingam .

This is the reason why the ancient Rishis (sages) and spiritual seekers in India have prescribed the Lingam must be installed in the temples of Lord Shiva .

DHARMA

Dharma is a word that means " natural law."

Shaivism is a religion very close to nature.

His cult , which unleashes the power of soul and body , met with strong resistance from the local religions that have considered antisocial .

Shiva is represented as the protector of those who consider themselves far from conventional and conformist society .

SHIVA

Salutation to the God Shiva donor of eternal bliss and immortality , the protector of all beings , destroyer of sins , the Lord of the Gods , who wears a tiger skin , the best among all the objects of worship , from which flows the Ganges tangled hair .

The God Shiva is pure , without change, without attributes , all-pervading , transcendental knowledge .

Prakriti ( nature inert ) is dancing on His chest and shape the creative process , preservative and destructive.

When there is neither light nor darkness , neither form nor energy, neither sound nor matter, when there is no manifestation of phenomenal existence , Siva alone exists in Himself .

He has no time , no space , no birth , no death , no decay.

He is beyond the opposites.

He is the absolute impersonal Brahman.

He is not touched by pleasure, pain , and the good from the bad.

He can not be seen with the eyes, but can be realized within the heart through devotion and meditation.

Shiva is the supreme personal God when He is identified with his power.

He is , therefore, omnipotent , omniscient , active God

He dances with supreme happiness , creates, sustains and destroys the rhythm of her busy dance .

He destroys all bondage , limitation and sorrow of his devotees .

He is beyond the opposites.

He is the absolute impersonal Brahman.

He is not touched by pleasure, pain , and the good from the bad.

He can not be seen with the eyes, but can be realized within the heart through devotion and meditation.

Shiva is the supreme personal God when He is identified with his power.

He is , therefore, omnipotent , omniscient , active God

He dances with supreme happiness , creates, sustains and destroys the rhythm of her busy dance .

He destroys all bondage , limitation and sorrow of his devotees .

He is the giver of Mukti ( final emancipation) .

If he is universal .

He is the true self of all creatures .

He is the inhabitant of the place of cremation and cemetery .

Jivas ( individual souls ) and the world originate from Him, exist in Him, are sustained and rejected by Him and are ultimately merged in Him

He is the support, the source and the substrate of the whole world .

He is the embodiment of Truth , Beauty , Goodness and Bliss.

( SATYAM - SIVAM - SUNDARAM )

He is the God of the Gods ( DEVA - DEVA )

He is the great Divinity ( MAHADEVA )

He is the father of mankind ( Prajapati )

He is the most majestic and awesome God ( Rudra ) with the trident ( Trisul ) in his hand.

He is the most easily satisfied ( Asutosha ) .

He is accesible to everyone.

Even the untouchables ( chandala ) , illiterate and marginalized it can achieve.

He is the source of all knowledge and wisdom .

He is the great Yogi .

He is the head of an ideal family with Uma , devoted wife and son Ganesha, who removes all obstacles.

When the time comes , the Lord Shiva destroys all names and forms with fire dancing. This is the symbolism evolved in the form of Nataraja (the movement ) .

Lord Shiva is the Lord of ascetics and the Lord of the Yogis naked and clothed with divine light ( Digambara ) .

He is not to disillusion.

ARDHANARISVARA

Brahma was unable to create and pull off other creatures by His mental creation .

To know the method of creation he did Tapas ( penance ) .

As a result of his Tapas , Adyasakti was in the mind of Brahma.

With the help of Adyasakti , Brahma meditated on Tryambakesvara .

Content with the penance of Brahma , Lord Shiva appears in the form Ardhanarisvara ( half man and half woman) ; Brahma prayed Ardhanarisvara .

Lord Shiva then created from his body with the name of a goddess Prama - Sakti .

Brahma said to the Goddess : " Thinking I created the gods , but they could only multiply . Before your appearance , until now , was not able to create the female species . Therefore, O Devi, be gracious and take life as the daughter of Daksha my son . "

MONTE KAILAS

Mount Kailas ( Shiva's residence ) in Tibet is a large chain with a bright central peak , beautiful , naturally carved and decorated, eternally covered with snow silver .

This particular peak is in the form of a large natural Shiva lingam .

This sacred mountain is worshiped simply making a pilgrimage on foot.

To make the circumambulation ( Parikrama ) , usually takes about three days.

There is no temple , no Pujari ( celebrant ) and even the puja ( ceremony ) is performed daily .

On the way to Kailas before you pass between two lakes: Monasarovar on the right, and the Rakshastal , to the left .

Under the slopes of Kailas is sacred Gauri Kund ( pond ) that is covered with snow.

Sometimes you have to break the ice for bathing .

SHIVA AND RAVAN

Ravana ( king of demons Rakshas ) was a great devotee of Lord Shiva.

Usually went every day to Mount Kailas to worship Lord Shiva .

But he found it very annoying.

He thought within himself to take the whole mountain in his hometown Lanka to spare the annoying daily trip to Mount Kailas .

He began to push up the mountain that shook.

Parvati, Shiva's wife , he was afraid and embraced the Lord Shiva.

Shiva pressed Ravana with his heel and sent him down to the underworld .

SONG OF THE NAME OF SHIVA

The name of Lord Shiva sung in various forms give the desired result.

The glory of the name of Lord Shiva can not be established through reason and intellect , and this can certainly be experienced or realized only through devotion , faith and constant repetition of his name.

Every name is full of untold power or Shakti.

The power of the name is unspeakable .

Its glory is indescribable.

The efficiency and inherent Sakti of the name of Lord Shiva are impenetrable .

The mind is purified by constant repetition of the names of Lord Shiva .

The songs are filled with good and pure thoughts.

The repetition of the hymns to Siva strengthens the good Samskaras : " what man thinks that becomes ."

When the mind thinks the image of the Lord during the singing of his hymns , the mental substance instantly takes on the shape of the image of the Lord.

The impression of the object thought of is called Samskara .

When the act is repeated very often the Samskaras gain strength by repetition and a tendency or habit is formed in the mind.

One who entertains thoughts of Divinity , now becomes transformed into divinity through constant thought.

His disposition is purified and deified .

When someone is singing the hymns of Lord Shiva , he is in tune with the Lord.

The individual mind merges into the cosmic mind .

One who sings the hymns becomes ONE with the God Shiva.

The name of the God Shiva has the power to burn sins, and grant eternal bliss and eternal peace to those who recites the name of the Lord.

Leads the aspirant who was beatified by the union with the Lord through Samadhi ( super- consciousness).

He sings his songs and repeat " Om Namah Shivaya " .

May the bliss of Lord Shiva fall on you .

KUNDALINI SHAKTI

Hatha Yogi awaken the Kundalini Shakti that is lying dormant in Muladara Chakra (earth) with Japa ( repetition of mantra ) , Asana ( yoga postures ) , Pranayama (breath control ) , Kumbhakara ( good thoughts ) , mudra ( hand position ) and bandha ( singing and dancing ) .

The Kundalini Shakti then come up through the different chakras ( centers of spiritual energy ) , Swadishthana (water) , Manipura (fire), Anahata (air ) , Visuddha ( ether) , Ajna ( third eye) and joins with the God Shiva in the Sahasrara ( the thousand-petalled lotus at the top of the head) .

The Hatha Yogi drinks the nectar of immortality ( Siva - Jnana- Amritam ) .

This is called Amritasvara .

When the Shakti is united with Shiva yogis attain full enlightenment ( Samadhi ) .

SYMBOLS OF SHIVA

His Trisula ( trident ) that is held in His right hand represents the three in one , the Lord of the Three Worlds , the lower, earthly and heavenly .

The trident also represents the three Gunas (qualities) : Sattva (positive, pure ) , Rajas ( neutralizing , attraction and repulsion ) and Tamas (negative , ignorant ) . This is the emblem of sovereignty.

The Damaru ( tambourine ) in His left hand represents the source of sounds and its sacred syllable (OM) from which all words and languages ​​were formed .

The moon crescenta on the head indicates that He controls the mind .

The river Ganges that flows from the head of Shiva represents the nectar of immortality .

The Elephant represents symbolically the Vritti ( pride) .

Wearing the skin of the elephant denotes that He has controlled pride.

The tiger represents the desire .

His sit on a tiger's skin indicates that He has conquered desire.

The Kamandol ( pail with water ) is the symbol of renunciation.

The cobra around his neck symbolizing the awakening of the Kundalini and denotes wisdom and eternity .

He is Trilochana , the three-eyed One , in the center of the eyebrows is the third eye , the eye of wisdom .

Nandi, the bull that sits in front of the Shiva Lingam , is the vehicle of Lord Shiva and is a representation of the animal kingdom of Lord Shiva.

Sadashiva

At the end of time ( Pralaya ) , the Supreme Lord thought to recreate the world .

He is known with the name of Sadashiva .

He is the root cause of the creation.

From Sadashiva creation begins.

Sadashiva is unmanifested .

He destroys the Tamas ( darkness ) caused by Pralaya and shines like a light autorisplendente bringing the five great elements in existence and thus giving birth to the manifest world .

The Shiva Purana ( ancient sacred texts ) say that Shiva is beyond Prakriti ( nature of God) and Purusha (soul).

Shiva is Mahesvara . He is the witness of good omen and good power to all beings.

Mahesvara leads the work of creation according to his will and pleasure.

Been Prakriti to be Maya and Mahesvara one who uses Maya or Prakriti .

All divine manifestations are part of a single God - Iswara - SHIVA .

Shiva is distinct from Brahma , Vishnu and Rudra .

Lord Shiva is the Lord of countless thousands of universes.

Isvara united with Maya gives rise to Brahma , Vishnu and Rudra out of Rajas , Sattva and Tamo Guna respectively the Trinity in the world.

The work of the three deities is done in agreement .

All of them have a point of view and a definite purpose in creating, preserving and destroying the visible universe of names and forms .

He who looks at the three Gods , distinct and different , so says the Shiva Purana , it is definitely an evil spirit and bad.

WORSHIP OF ANCIENT SHIVA '

And ' since ancient times that the foul or Shiva Lingam is considered to be a divine symbol .

The worship of Shiva extends from Central Asia to Indonesia.

According to the scholar Marshal , Shiva Pashupati ( Katmandu ) in position Yoga is dated 2500 BC

In the Indus valley symbols Saivite pottery are dated in the period prevedico .

Coins 200-300 BC were found with Saivite symbols .

NAMAH Shivaya

In the five- syllable mantra ( Panchakshari ) Namasivaya ( prostration to Lord Shiva ) :

NA is shielded power of the Lord that moves the souls of the world;

MA is the bond that keeps him in the samsaric wheel of birth and death ;

SI is the symbol of Lord Shiva ;

VA means of His grace ;

YA indicates the soul .

If the soul returns through NA and MA will be fallen back into worldliness.

If he associates himself with VA will move towards Shiva.

To develop love and devotion for Lord Shiva and meditate on him Sivadhyana .

To become immersed in Sivananda is Samadhi.

Who gets this state is called Jivanmukta .

PATI - PASU - ASAP

Pati is the God Shiva. And ' the object of all the Vedas and Agamas to explain the concept of the Lord ( Pati ) , limited souls ( Pasu ) and bondage ( Pasa ) .

The God Shiva is infinite, eternal , one without a second .

He is without change and indivisible.

He is the reincarnation of knowledge and bliss.

He energizes the intelligence of all souls.

He is beyond the reach of mind and speech .

He is the smallest of the small and the greatest among the great .

He is self-luminous , self-existent , and autocontento autodeliziato .

Pasu are individual souls who are sucked into the quagmire of Samsara ( cycle of birth- death). They take a body to resolve their good or bad deeds and beings are born as low or high according to their nature of Karma.

They are virtuous or vicious actions to experiment with the latest fruits of their Karma and have births and deaths without number . On the top they get the grace of Lord Shiva through meritorious deeds and their ignorance is removed . They get salvation and become One with the Lord Shiva.

Pasa is slavery. It 's the link due to the false notion of scarcity that has soul.

The soul imagines itself to be finite and confined to the limited body of knowledge and power. It mistakenly identifies itself with the body that dies and swap the body to reality. It has forgotten his essential divine nature.

KARMA

Karma is the cause of many of the bodies and bodily experiences of birth and death .

And ' no beginning : This is the cause of the conjunction of the soul conscious and unconscious body . Karma is given through thought , word and action. It takes the form of merits and sins and produces pleasure and pain . It ' subtle and unseen .

There emerges from the building and into the substrate of the Maya during Pralaya .

This can not be destroyed.

SHIVA AND SHAKTI

Sati ( first wife of Lord Shiva ), the daughter of Daksha Prajapati , the son of Brahma, married Lord Shiva . A Daksha did not like his son-in for the long hair and tangled , its eccentric shape, for manners and strange clothes .

Daksha did a Vedic sacrifice . He did not invite his daughter and son in law . Sati felt insulted and went to his father to find out why. Daksha gave a negative answer. Sati was angry for that and did not want to be called his daughter. She chose to sacrifice himself in the sacred fire, which he created with his yogic powers .

The God Shiva, pissed , destroyed the Vedic sacrifice and drove away all the Devas who were there . Lord Shiva put a goat's head on the body of Daksha , pity the request of Brahma.

Lord Shiva then went to the Himalayas to do austerities.

The Asura (demon) Taraka Brahma had a grace and that he would die only at the hands of a son of Shiva and Parvati . Then the Devas ( gods) asked the king Himavat to have as a daughter Sati . Himavat agreed. Sati was born as Parvati , the daughter of Himavat . It served the Lord Shiva during his penance and worshiped him.

LORD SHIVA THE BRIDE PARVATI

He began the rites an auspicious day . They came from all the mountains for the festivities. All the cities were celebrating. Shiva called his bull ( Nandi ) and also to accompany him because of the horde of spirits ( Bhuta ) came to the land of snowy mountains for the celebration of the wedding.

When they arrived, Shiva was sitting on his bull , covered with ashes , his hair long and tangled , the crescent in front of a skull in his hand , a tiger skin on his shoulder.

He carried a bow and a trident , strange eyes , shabby, surrounded by his villains , from spectra shapes appalling. Mena , the wife of Himavat , frightened , she fainted .

When he came he cursed all of Shiva saying : " He has neither beauty nor craft, nor a house belongs to him, living in caves, or clothes, or jewelry , not rich and not even so young . It looks dirty , ignorant and disgusting. What reasons would have to give my daughter? "

Shiva then showed it to Mena in his charming appearance . Every part of his body radiated beauty. His clothes were colored , bore precious jewelry . Her skin was clear and bright. Stunned , Mena apologized for wrongs he had turned to God Then the wedding took place .

SON OF SHIVA GANESHA

One day , in their residence on Mount Kailas , while Parvati was taking a bath in his apartment , he came so impetuous Shiva and Goddess he was embarrassed . Then Parvati decided to create a servant to protect and autogenerò a boy. When he got back the boy Shiva blocked his way . There were many discussions and enraged Shiva sent his Gana ( rogues of the sky) , but after furious battles the boy was so winning in the end, the Shiva himself had his head cut off . Seeing the pain of the Goddess, to soothe her , Shiva immediately ordered to replace the young man's head with that of the first living being met ...

It was an elephant , whose head was joined to the resurrected body and to console the Goddess, Shiva named him Ganesha ( leader of Ghana ) .

Ganesha is called Vighnesvara ( lord of obstacles ) . And 'he who creates difficulties in all human achievements and spiritual . Only his benevolence allows you to overcome them. And ' the master of initiation of the mysteries , the rites by which you can circumvent or avoid obstacles. If someone performs rituals without having first paid tribute to the leader of Ghana, these rites will be without effect . Ganesha is invoked before any undertaking to prevent Gana prevent its realization .

SHAKTI YOGA PHILOSOPHY

The power or active aspect of the immanent God is Sakti.

Shakti is the embodiment of divine power. It is the support of the vast universe . It is the supreme power by which the world is upheld . It is the universal mother .

It is Durga , Kali , Chandi , Chamundi , Tripura Sundari , Rajesvari . There is no difference between God and His Sakti , as there is no difference between the fire and its power to burn . Those who worship Shakti , God in the form of mother, as the supreme power that creates, sustains and dissolves the universe , is a Sakta . All women are forms of the Divine Mother .

The Supreme God is represented by Shiva and his power is represented by his consort, Shakti or Durga or Kali.

KALI

In the Shiva Purana it is said that after a battle against the Demons , Mother Kali was so excited that they did not know how to stop it in its destruction.

She danced until the earth shook and began to crumble. At the request of the Gods Shiva asked her to stop. Taken from his excitement did not listen to Shiva.

Shiva then he lay down on the ground next to the dead in front of his feet. Kali continued her wild orgy until he noticed her husband under her feet . Realizing that he was about to step on Shiva himself, stuck out her tongue in astonishment , and stopped.

Mother Kali dancing on Shiva 's chest . It is a terrible form but in truth it is not really terrible. It is all merciful and kind. She wears a garland made of skulls. What does this mean? It wears the heads of his devotees. As it is loving and affectionate with his devotees ! Kali is the Divine Mother . It is the Shakti or power of the God Shiva. It is the dynamic aspect of Shiva.

Shiva is the static aspect . Lord Shiva is like a dead body. What does this mean?

He is very calm , no movement , no breath, with eyes closed in Samadhi. He is no action , no change. He is not affected by the cosmic play or Lila that goes on forever, on his chest. The Mother is the embodiment of love , tenderness and love. It grants the wishes of children.

Whenever a child wants something goes first from the mother and not the father.

Even in spiritual aspirant has more respect for the Divine Mother Kali who with the Father Shiva. Shiva is indifferent to the world itself . He is taken into Samadhi , his eyes still closed .

And ' Shakti or Divine Mother that only takes care of the affairs of the world . She turns to her Lord for the attainment of final emancipation.

MOTHER GANGA

The Ganges is the most sacred river in India. Hindus believe that all sins are washed away if you take a bath in the holy waters . Some time ago the sage Rishi Agastya drank the entire ocean . He did so in good faith, but the result was that the earth dried up .

So a holy man named Bhagirath did austerity to be directly descended from Heaven , Mother Ganga . This was not possible because a so immediate descent of the Ganges would cause more serious disasters. The only possibility was that only Shiva could keep her hair tangled in the vehemence of the descent of the Ganges. Bhagirath did further Tapasia ( austerity ) and Lord Shiva agreed.

So the Ganges, filtered by the hair of Shiva, politely declined the Himalayas.

Shiva is also called Ganga - dhara , the bearer of the Ganges.

Rudraksha (eye of Shiva)

Hari Om ! I pray to Lord Shiva known as Maharudra and as Kalagnirudra .

Bhusunda Kalagnirudra asked the Lord : " What is the origin of the seeds of the Rudraksha ? ( whose berries are used to make rosaries Shaiva ) . What is the benefit in bring on the body? "

Kalagnirudra The Lord answered him thus: "I closed my eyes for the sake of destroying the Tripura Asuras . From my eyes thus closed , drops of tears fell to the earth . Those drops of tears turned into the seeds of the Rudraksha . "

At the mere pronunciation of the word " Rudraksha " one acquires benefits. To see and touch what one acquires double benefits.

This Rudraksha destroys the sins of the devotees , committed day and night , bringing him. But this will be a thousand times more beneficial doing the rosary of Rudraksha and bringing him all the time.

THE DUNI ( sacred fire )

The Indian tradition preserves the memory of Rbhus , the scholars who first knew how to control fire and then create the " hearth and home ."

Fire exists only by destroying the fuel that makes him live , consuming the sacrifice . All the universe conscious or unconscious , is not that fire and oblation.

The sun illuminates only by destroying its substance.

Fire is the universal symbol of sacrifice , destruction pure state.

It represents a kind of boundary between two states of being , that of creation and that of the gods . The gods are beyond the fire and feed the smoke of the offerings . Each offering to the gods passing by the mouth of Agni (god of fire) .

Usually a Duni is placed at the center of a room in order to enable the devotees to go around and keep right towards the " hearth " .

In every temple there is a Saivite Duni for the oblations ( offerings ) .

The Yogi or Sadhu Baba ( monaco ) is the celebrant and is the liaison with the Devas .

THE RITE OF CILOM

The cilom and a pipe used to smoke the ganja ( grass).

In the Saivite religion is an object, to celebrate the glory of Shiva.

As in the Christian religion the chalice and the host are in communion with the Divine, so for him it is the Saivite chilom .

The chilom is Shakti. What rankles is Shiva.

We sit around a Duni and before turning on the cilom you hail the names of Shiva and his consort Parvati . Mantras are the most popular :

Bom Shankar, Bolenat , Shambo , Alak Naranjan .

Or the places of his mansions: Kailash , Kasi , etc. ..

SHIVA AND VISHNU ARE ONE

Shaiva one is a devotee of Lord Shiva . A Vaishnava is a devotee of Lord Vishnu .

A bigot Shaiva not pray Vishnu , not the law of Vishnu Purana , never enters into a Vaishnava temple . Speaks ill of Vishnu.

So a bigoted Vaishnava and Shaiva tries to avoid speaking ill of Shiva.

This is not the highest of follies ? It is not what the highest ignorance?

He did not understand the true nature of Lord Shiva.

Why in the Vedas it is written clearly: " When Shiva meditates, he meditates on Vishnu , so when Vishnu meditate, meditating on Shiva . Vishnu is the greatest devotee of Lord Shiva and Shiva is the greatest devotee of Vishnu . "

Vishnu is the heart and vice versa Shiva Shiva is the heart of Vishnu.

Shiva and Vishnu are one and the same entity.

They are essentially one and the same .

They are just names given to the different aspects of the all-pervading Supreme Spirit.

THE RITE OF THE SACRED FIRE

As the fire burns , we destroy slavery and disappointment , leaving only the white ashes of liberation.

Let the fire from destroying the brake of the senses, tirandoci here and there in slavery ...

In the Holy Fire regenerates the mind , ready to get the vision of reality.

As burning , the fire gets rid of the fuel, so humanity can be freed from slavery.

Let the fire burn every Karma and their powers , freeing us to achieve balance and liberation.

The flame in the Fire is the symbol of wisdom.

Thus the Holy Fire leaves the inner consciousness infuocarsi .

Realization and immortality of the ego is the supreme achievement is spontaneous .

Without words , the fire burns without intention.

In samadhi we get that state of bliss.

As the Duni is the symbol of Shakti , the Flame is the Lingam of Lord Shiva .

So above, so below the fuel turns into ashes.

All the worlds of the universe become dust.

As the fire takes the form of fuel it consumes, the immortal soul takes the shape of the body.

As the flame passes to the other pieces of wood, so the immortal soul passes from body to body .

Tribute and salute to the Sacred Fire.

Drink the nectar of Immortality through you are the Sacred Fire of Eternity .

So Sacred Fire illuminates all mortals .

Italian Version:

Dio è uno.

Mi prostro con mani giunte al Dio Shiva (di buon augurio).

Signore dell’universo (Jagad-Pati).

Maestro del mondo (Jagad-Guru).

Distruttore dei Tripura (tre città: egoismo, sensualità e collera).

Signore di Uma (Uma Shankar), Gauri (Gauri Shankar), Ganga (Ganga Shankar).

Pieno di luce (Jyotirmaya).

Conoscenza e beatitudine (Chidanandamaya).

Signore degli Yogi (Yogesvara).

Magazzino di conoscenza.

Conosciuto con diversi nomi: Mahadeva (famoso Dio), Shankar (benevolo), Hara, Shambo (autogenerato), Sadashiva, Rudra (l’urlatore), Nilakantha (dal collo blu), Trilochana (dai tre occhi), Jatadhara (che ha i capelli aggrovigliati), Vishvanatha (Signore dell’universo), Pashupati (Signore degli animali), Uma Maheshvara (marito di Uma).

Shiva è conosciuto con il nome di “Ghirisa” come il Signore del monte Kailas.

HARA

Colui che nel tempo della disillusione (Pralaya) tira fuori il mondo da se stesso.

TRIPURARI

Shiva è stato il distruttore degli Asura (demoni) Tripura. Egli distrusse Tripura, le tre città degli Asura, che erano rispettivamente fatte di oro, argento e ferro.

NILAKANTHA

Per cercare il nettare del bene, fu montato e scremato tutto l’oceano. Alla fine oltre al nettare del bene, rimase quello velenoso del male che nessuno voleva.

Shiva per salvare il mondo lo ingoiò. Questo gli causò una macchia blu sulla gola.

Per questo è chiamato Nilakantha.

SHANKAR

Quanto misericordioso Egli è.

Quanto amorevole e gentile Egli è.

Quanto è grande il Suo cuore.

Quanto magnanimo ed autosplendente Egli è.

Egli indossa anche i crani dei suoi devoti come una ghirlanda intorno al collo.

Egli è l’incarnazione della rinuncia, misericordia, amore e sapienza.

Egli concede benefici ai suoi devoti molto volentieri.

E’ un errore dire che Egli è il distruttore.

Il Dio Shiva in realtà è il rigeneratore.

E’ più facile accontentare Shiva che Hari (Vishnu).

Un poco di amore e devozione, un poco di canti sinceri bastano ad infulgere piacere in Shiva.

Quando il Signore Brahma ed il Signore Vishnu andarono a cercare l’origine della testa e dei piedi del Dio Shiva, Egli assunse un infinito espansivo bagliore di luce (Jyotir – Maya – Svarupa), che rese vano il tentativo di delimitare i contorni del Dio.

L’OM è il mantra (sillaba sacra).

Il verbo è l’inizio della creazione.

La manifestazione della forza onnipotente è vibrazione che appare, come un suono peculiare l’OM.

Shiva nell’aspetto di Parambrahma causa creazione e la natura inerte (Prakriti) emerge.

Da OM – AUM – AMEN (Pranava, il verbo, la manifestazione della forza onnipotente), viene Kala (Tempo), Desa (Spazio) e Anu (Atomo) struttura vibratoria della creazione.

Il LINGAM o FALLO quando è associato a Shiva è adorato nel suo aspetto Saguna (meditazione sulla forma).

Il fallo è l’organo mediante il quale il principio creatore è rappresentato visibilmente nelle singole specie.

Il Bindu (il segno rosso tra le sopracciglia) rappresenta il seme della creazione.

Shiva dice: “Non mi distinguo dal fallo. Il fallo è identico a Me. Ovunque si trovi un fallo eretto, sono presente io stesso, anche se non ci sono altre rappresentazioni di Me.”

Lo Shiva Lingam si rappresenta racchiuso nella Yoni (organo femminile).

Il vocabolo Lingam significa semplicemente “segno distintivo” o “marchio”.

L’immagine del fallo ha lo scopo di risvegliare i fedeli alla conoscenza.

Il Lingam sottile ed eterno è percepibile solo da coloro che hanno raggiunto la conoscenza.

Il Lingam è l’uovo cosmico che comprende tutto l’universo dei nomi e forme.

Lo Shiva Lingam è il simbolo del Signore Shiva.

C’è un misterioso potere o un indescrivibile Shakti (energia) nel Lingam che induce la concentrazione della mente.

Come la mente viene facilmente concentrata focalizzando un cristallo, così la mente otterrà grande concentrazione quando fissa un Lingam.

Questa è la ragione per cui gli antichi Rishi (saggi) e ricercatori spirituali dell’India hanno prescritto che il Lingam deve essere installato nei templi del Dio Shiva.

DHARMA

Dharma è un vocabolo che significa “legge naturale”.

Lo Shivaismo è una religione molto vicina alla natura.

Il suo culto, che scatena la potenza dell’anima e del corpo, ha incontrato viva resistenza da parte delle religioni urbane che lo hanno considerato antisociale.

Shiva viene rappresentato come il protettore di quanti si ritengono lontani dalla società convenzionale e conformista.

SHIVA

Saluto al Dio Shiva donatore di eterna beatitudine ed immortalità, il protettore di tutti gli esseri, distruttore dei peccati, il Signore degli Dei, che indossa una pelle di tigre, il migliore tra tutti gli oggetti da adorare, dai cui capelli aggrovigliati sgorga il Gange.

Il Dio Shiva è il puro, senza cambiamento, senza attributi, tutto pervadente, conoscenza trascendentale.

Prakriti (natura inerte) è danzante sul Suo petto e da forma al processo creativo, preservativo e distruttivo.

Quando non c’è né luce, né buio, né forma, né energia, né suono, né materia, quando non c’è manifestazione dell’esistenza fenomenale, Shiva solo esiste in se stesso.

Egli è senza tempo, senza spazio, senza nascita, senza morte, senza decadenza.

Egli è al di la degli opposti.

Egli è l’impersonale assoluto Brahman.

Egli non è toccato dal piacere, dal dolore, dal buono e dal cattivo.

Egli non può essere veduto con gli occhi ma può essere realizzato dentro il cuore attraverso devozione e meditazione.

Shiva è anche il supremo Dio personale quando Egli è identificato col suo potere.

Egli è dunque onnipotente, onniscente, attivo Dio.

Egli danza con suprema felicità, crea, sostiene, e distrugge con il ritmo della sua danza movimentata.

Egli distrugge ogni schiavitù, limitazione e dolore dei suoi devoti.

Egli è il donatore di Mukti (la finale emancipazione).

Egli è il Se universale.

Egli è il vero IO di tutte le creature.

Egli è l’abitante dei luoghi di cremazione e dei cimiteri.

Jivas (anime individuali) ed il mondo traggono origine da Lui, esistono in Lui, sono sostenuti e rigettati da Lui e sono alla fine fusi in Lui.

Egli è il supporto, la sorgente ed il substrato del mondo intero.

Egli è l’incarnazione di Verità, Bellezza, Bontà e Beatitudine.

(SATYAM – SIVAM – SUNDARAM)

Egli è il Dio degli Dei (DEVA-DEVA)

Egli è la grande Divinità (MAHADEVA)

Egli è il padre dell’umanità (PRAJAPATI)

Egli è il più maestoso e terrificante Dio (RUDRA) con il tridente (Trisul) nella sua mano.

Egli è il più facilmente soddisfatto (Asutosha).

Egli è accesibile a tutti.

Anche gli intoccabili (chandala), illetterati ed emarginati lo possono raggiungere.

Egli è la sorgente di ogni conoscenza e sapienza.

Egli è lo Yogi ideale.

Egli è il capo di una famiglia ideale con Uma, moglie devota ed il figlio Ganesha, che elimina tutti gli ostacoli.

Quando arrivano i tempi, il Signore Shiva distrugge tutti i nomi e le forme col fuoco, danzando. Questo è il simbolismo evoluto nella forma Nataraja (il movimento).

Il Dio Shiva è il Signore degli asceti ed il Signore degli Yogi nudi e rivestiti di luce divina (Digambara).

Egli non da disillusione.

ARDHANARISVARA

Brahma era incapace di creare e tirare fuori altre creature dalla Sua creazione mentale.

Per conoscere il metodo della creazione Egli fece Tapas (penitenza).

Come risultato dei suoi Tapas, Adyasakti venne nella mente di Brahma.

Con l’aiuto di Adyasakti, Brahma meditò su Tryambakesvara.

Accontentato della penitenza di Brahma, il Dio Shiva appare nella forma Ardhanarisvara (metà uomo e metà donna); Brahma pregò Ardhanarisvara.

Il Dio Shiva allora creò dal suo corpo una Dea col nome di Prama-Sakti.

Brahma disse alla Dea: “Pensando creai gli Dei, ma non si poterono moltiplicare. Prima della tua apparizione, fino ad ora, non ero capace di creare la specie femminile. Perciò, o Devi, sii benevola e prendi vita come la figlia di mio figlio Daksha.”

IL MONTE KAILAS

Il monte Kailas (residenza di Shiva) in Tibet è in una grande catena con uno splendente picco centrale, bellissimo, naturalmente scolpito e decorato, eternamente ricoperto da una neve d’argento.

Questo particolare picco è nella forma naturale di un grande Shiva Lingam.

Questa montagna sacra è adorata semplicemente compiendo un pellegrinaggio a piedi.

Per fare la circoambulazione (Parikrama), si impiegano di solito tre giorni.

Non c’è alcun tempio, nessun Pujari (celebrante) e neanche la Puja (cerimonia) quotidiana viene compiuta.

Sulla strada per il Kailas si passa prima tra due laghi: il Monasarovar, sulla destra, e il Rakshastal, alla sinistra.

Sotto le pendici del Kailas c’è il sacro Gauri Kund (laghetto) che è ricoperto di neve.

A volte si deve rompere il ghiaccio per farsi il bagno.

RAVANA E SHIVA

Ravana (re dei demoni Rakshas) era un grande devoto di Shiva.

Usualmente andava ogni giorno al monte Kailas per adorare il Signore Shiva.

Ma trovò ciò molto fastidioso.

Pensò dentro di se di prendere l’intera montagna nella sua città Lanka per risparmiarsi del fastidioso viaggio giornaliero al monte Kailas.

Egli iniziò a sospingere in alto la montagna che tremò.

Parvati, moglie di Shiva, ebbe paura ed abbracciò il Signore Shiva.

Shiva schiacciò Ravana con il suo tallone e lo mandò giù negli inferi.

CANTO DEL NOME DI SHIVA

Il nome del Dio Shiva cantato in varie forme darà il risultato desiderato.

La gloria del nome del Dio Shiva non può essere stabilita attraverso la ragione e l’intelletto; questa può essere certamente sperimentata o realizzata solo attraverso la devozione, la fede e la costante ripetizione del suo nome.

Ogni nome è saturo di potenza incalcolabile o Shakti.

Il potere del nome è indicibile.

La sua gloria è indescrivibile.

L’efficienza e l’inerente Shakti del nome del Dio Shiva sono impenetrabili.

La mente è purificata dalla costante ripetizione dei nomi del Dio Shiva.

I canti sono riempiti con buoni e puri pensieri.

La ripetizione degli inni a Shiva rafforza il buon Samskara: “quello che l’uomo pensa quello diventa”.

Quando la mente pensa all’immagine del Signore durante il canto dei suoi inni, la sostanza mentale istantaneamente assume la forma dell’immagine del Signore.

L’impressione dell’oggetto pensato si chiama Samskara.

Quando l’atto è ripetuto molto spesso il Samskara guadagna forza dalla ripetizione ed una tendenza o abitudine si forma nella mente.

Colui che intrattiene pensieri di divinità, diventa attualmente trasformato nella divinità stessa attraverso un costante pensiero.

La sua disposizione è purificata e divinizzata.

Quando qualcuno canta gli inni del Dio Shiva, egli è in sintonia con il Signore.

La mente individuale si fonde nella mente cosmica.

Colui che canta gli inni diventa UNO con il Dio Shiva.

Il nome del Dio Shiva ha il potere di bruciare i peccati, concede eterna beatitudine e pace eterna a chi ripete il nome del Signore.

Porta l’aspirante entro l’unione beatificata con il Signore attraverso Samadhi (super coscienza).

Canta i suoi inni e ripeti “OM NAMAH SHIVAYA”.

Possa la beatitudine del Dio Shiva ricadere su di te.

SHAKTI KUNDALINI

Hata Yogi risvegliano la Shakti Kundalini che è distesa dormiente nel Muladara Chakra (terra) con Japa (ripetizione del mantra), Asana (posizioni yoga), Pranayama (controllo del respiro), Kumbhakara (buoni pensieri), Mudra (posizione delle mani) e Bandha (canti e balli).

La Shakti Kundalini poi vieni su attraverso i differenti Chakra (centri dell’energia spirituale), Swadishthana (acqua), Manipura (fuoco), Anahata (aria), Visuddha (etere), Ajna (terzo occhio) e si congiunge con il Dio Shiva nel Sahasrara (il loto dai mille petali in cima alla testa).

Gli Hata Yogi bevono il nettare dell’immortalità (Shiva-Jnana-Amritam).

Questo è chiamato Amritasvara.

Quando la Shakti è unita con Shiva gli Yogi raggiungono la piena illuminazione (Samadhi).

SIMBOLI DI SHIVA

Il suo Trisula (tridente) che è tenuto nella Sua mano destra rappresenta il Tre in uno, il Signore dei Tre mondi, quello inferiore, terrestre e celeste.

Il Tridente rappresenta anche i tre Guna (qualità): Sattva (positivo, puro), Rajas (neutralizzante, attrazione e repulsione) e Tamas (negativo, ignorante). Questo è l’emblema di sovranità.

Il Damaru (tamburello) nella Sua mano sinistra rappresenta l’origine dei suoni e della sua sillaba sacra (OM) dalla quale tutte le parole e le lingue si sono formate.

La luna crescenta sulla testa indica che Egli controlla la mente.

Il fiume Gange che sgorga dalla testa di Shiva rappresenta il nettare dell’immortalità.

L’elefante rappresenta simbolicamente la Vritti (orgoglio).

Indossare la pelle dell’elefante denota che Egli ha controllato l’orgoglio.

La tigre rappresenta il desiderio.

Il suo star seduto su una pelle di tigre indica che Egli ha conquistato il desiderio.

Il Kamandol (secchietto con l’acqua) è il simbolo della rinuncia.

Il Cobra attorno al collo simboleggia il risveglio della Kundalini e denota saggezza ed eternità.

Egli è Trilochana, l’Uno dai tre occhi, al centro delle sopracciglia è il terzo occhio, l’occhio della sapienza.

Nandi, il toro che siede di fronte lo Shiva Lingam, è il veicolo di Shiva ed è la rappresentazione del regno animale di Shiva.

SADASHIVA

Alla fine dei tempi (Pralaya), il Signore Supremo pensa di ricreare il mondo.

Egli è conosciuto con il nome di Sadashiva.

Egli è la radice causale della creazione.

Da Sadashiva la creazione ha inizio.

Sadashiva è immanifesto.

Egli distrugge il Tamas (tenebre) causato da Pralaya e splende come luce autorisplendente portando così i cinque grandi elementi in esistenza e dando così vita al mondo manifesto.

I Shiva Purana (testi sacri antichi) dicono che Shiva è al di la di Prakriti (natura di Dio) e Purusha (anima).

Shiva è Mahesvara. Egli è il testimone augurante di buon bene ed alimentatore di tutti gli esseri.

Mahesvara conduce il lavoro della creazione in accordo al suo volere e piacere.

Conosci Prakriti essere Maya e Mahesvara colui che usa la Maya o Prakriti.

Tutte le manifestazioni divine sono parte di un unico DIO – ISVARA – SHIVA.

Shiva è distinto da Brahma, Vishnu e Rudra.

Il Dio Shiva è il Signore di innumerevoli migliaia di universi.

Isvara unito con Maya origina Brahma, Vishnu e Rudra, fuori da Rajas, Sattva e Tamo Guna rispettivamente la Trinità del mondo.

Il lavoro delle Tre divinità è fatto in accordo.

Tutti loro hanno un punto di vista ed un proposito definito nel creare, preservare e distruggere l’universo visibile di nomi e forme.

Colui che guarda le Tre divinità, distinte e differenti, così dice nei Shiva Purana, è sicuramente uno spirito maligno e cattivo.

L’ADORAZIONE DI SHIVA NELL’ANTICHITA’

E’ da tempi remoti che il fallo o Shiva Lingam è considerato un simbolo divino.

L’adorazione di Shiva si estende dall’Asia centrale all’Indonesia.

Secondo lo studioso Marshal, Shiva di Pashupati (Katmandù), nella posizione Yoga è datato 2500 a.C.

Nella valle dell’Indo simboli Shivaiti in terracotta sono datati nel periodo prevedico.

Monete del 200-300 a.C. sono state trovate con simboli Shivaiti.

NAMAH SHIVAYA

Nel mantra a cinque sillabe (panchakshari) Namasivaya (prostrazione a Shiva):

NA è il potere schermato del Signore che fa muovere le anime del mondo;

MA è il legame che lo tiene nella ruota Samsarica della nascita e della morte;

SI è il simbolo del Signore Shiva;

VA significa la Sua grazia;

YA indica l’anima.

Se l’anima torna attraverso NA e MA sarà ridiscesa nella mondanità.

Se egli associa se stesso con VA si muoverà verso Shiva.

Per sviluppare amore e devozione per il Signore Shiva e meditare su di lui è Sivadhyana.

Per diventare immerso in Sivananda è Samadhi.

Chi ottiene questo stato è chiamato Jivanmukta.

PATI – PASU – PASA

Pati è il Dio Shiva. E’ l’oggetto di tutti i Veda ed Agama per spiegare il concetto del Signore (Pati), anime limitate (Pasu) e schiavitù (Pasa).

Il Dio Shiva è infinito, eterno, uno senza secondo.

Egli è senza cambiamento ed indivisibile.

Egli è la reincarnazione di conoscenza e beatitudine.

Egli energizza l’intelligenza di tutte le anime.

Egli è al di la della portata della mente e delle parole.

Egli è il più piccolo tra i piccoli e il più grande tra i grandi.

Egli è autoluminoso, autoesistente, autocontento ed autodeliziato.

Pasu sono le anime individuali che sono risucchiate nel pantano del Samsara (ciclo nascita-morte). Esse prendono un corpo per risolvere le loro buone o cattive azioni e nascono come bassi o alti esseri in accordo alla loro natura del Karma.

Essi fanno azioni virtuose o viziose per sperimentare gli ultimi frutti del loro Karma ed hanno nascite e morti senza numero. All’ultimo essi ottengono la grazia del Dio Shiva attraverso atti meritori e la loro ignoranza è cancellata. Essi ottengono la salvezza e diventano Uno con il Signore Shiva.

Pasa è schiavitù. E’ il legame dovuto alla falsa nozione di limitatezza che ha l’anima.

L’anima immagina se stessa essere finita e confinata nel corpo e di limitata conoscenza e potere. Essa sbagliando identifica se stessa con il corpo che muore e scambia il corpo per realtà. Esso ha dimenticato la sua essenziale natura divina.

KARMA

Karma è la causa dei corpi e di molteplici esperienze corporee di nascite e di morti.

E’ senza inizio: Ciò è la causa della congiunzione dell’anima cosciente e del corpo incosciente. Il Karma è dato attraverso il pensiero, la parola e l’azione. Prende la forma dei meriti e dei peccati e produce piacere e pena. E’ subdolo e non visto.

Esiste dalla creazione ed emerge nel substrato del Maya durante Pralaya.

Ciò non può essere distrutto.

SHIVA E SHAKTI

Sati (prima moglie di Shiva) figlia di Daksha Prajapati, il figlio di Brahma, si sposò con il Signore Shiva. A Daksha non piaceva suo genero per i capelli lunghi ed aggrovigliati, per la sua eccentrica forma, per le maniere e gli abiti strani.

Daksha fece un sacrificio vedico. Egli non invitò sua figlia e suo genero. Sati si sentì insultata ed andò da suo padre per sapere il perché. Daksha dette una risposta negativa. Sati si arrabbiò per questo e non volle più essere chiamata sua figlia. Ella preferì immolarsi nel fuoco sacro che creò con i suoi poteri yoga.

Il Dio Shiva, arrabiato, distrusse il Sacrificio Vedico e cacciò via tutti i Deva che erano lì. Il Signore Shiva mise una testa di capra sul corpo di Daksha, impietosito dalla richiesta di Brahma.

Il Signore Shiva allora se ne andò sull’Himalaya per fare austerità.

L’Asura (demone) Taraka ebbe una grazia da Brahma e cioè che sarebbe morto solo dalle mani di un figlio di Shiva e Parvati. Allora i Deva (dei) chiesero al re Himavat di avere Sati come figlia. Himavat acconsentì. Sati nacque come Parvati, figlia di Himavat. Essa servì il Signore Shiva durante la sua penitenza e lo adorò.

IL SIGNORE SHIVA SPOSA PARVATI

Si diede inizio ai riti un giorno propizio. Vennero da tutte le montagne per i festeggiamenti. Tutte le città erano in festa. Shiva chiamò il suo Toro (Nandi) perché lo accompagnasse ed anche l’orda degli spiriti (Bhuta) si recarono nel paese delle montagne nevose per i festeggiamenti delle nozze.

Quando arrivarono, Shiva era seduto sul suo toro, coperto di cenere, i capelli lunghi ed aggrovigliati, la mezzaluna in fronte, un teschio in mano, una pelle di tigre sulla spalla.

Recava un arco ed un tridente, gli occhi strani, malvestito, attorniato dai suoi ribaldi, da spettri dalle forme spaventose. Mena, la moglie di Himavat, spaventata, svenne.

Quando rinvenne maledisse tutti dicendo di Shiva: “Non ha né bellezza, né mestiere, neppure una casa gli appartiene, vive nelle grotte, né vesti, né monili, non è ricco e neppure tanto giovane. Sembra sporco, ignorante e disgustoso. Che motivi avrei per dargli mia figlia?”

Shiva allora si mostrò a Mena nel suo aspetto affascinante. Ogni parte del suo corpo irradiava bellezza. Le sue vesti erano multicolori, portava monili preziosi. La sua pelle era chiara e lucente. Sbalordita, Mena si scusò per le ingiurie che aveva rivolto al Dio. Allora le nozze ebbero luogo.

GANESHA FIGLIO DI SHIVA

Un giorno, nella loro residenza sul monte Kailas, mentre Parvati stava facendo il bagno nel suo appartamento, arrivò Shiva in modo irruento e la Dea ne fu imbarazzatissima. Allora Parvati decise di crearsi un servo per tutelarsi ed autogenerò un ragazzo. Quando arrivò di nuovo Shiva il ragazzo gli sbarrò la strada. Ci furono innumerevoli discussioni e Shiva infuriato mandò i suoi Gana (ribaldi del cielo), ma dopo furiose battaglie il ragazzo era vincitore così, alla fine, Shiva stesso gli dovette tagliare la testa. Vedendo il dolore della Dea, per calmarla, Shiva ordinò subito di sostituire la testa del giovane con quella del primo essere vivente incontrato…

Fu un elefante, la cui testa venne unita al corpo resuscitato e per consolare la Dea, Shiva lo nominò Ganesha (capo dei Gana).

Ganesha è chiamato Vighnesvara (padrone degli ostacoli). E’ lui che crea difficoltà in tutte le realizzazioni umane e spirituali. Soltanto la sua benevolenza permette di superarle. E’ il maestro dell’iniziazione, dei misteri, dei riti mediante i quali si possono aggirare o evitare gli ostacoli. Se qualcuno compie riti senza aver prima reso omaggio al capo dei Gana, questi riti saranno senza effetto. Si invoca Ganesha prima di qualunque impresa per evitare che i Gana ne impediscano la realizzazione.

FILOSOFIA SHAKTI YOGA

Il potere o aspetto attivo dell’immanente Dio è Shakti.

Shakti è l’incarnazione divina del potere. Essa è il supporto del vasto universo. Essa è la suprema energia con cui il mondo è sostenuto. Essa è la madre Universale.

Essa è Durga, Kali, Chandi, Chamundi, Tripura, Sundari, Rajesvari. Non c’è differenza tra Dio e la sua Shakti, come non c’è differenza tra il fuoco e il suo potere di bruciare. Chi adora Shakti, Dio nella forma di madre, come il supremo potere che crea, sostiene e dissolve l’universo, è uno Sakta. Tutte le donne sono forme della Madre Divina.

Il Supremo Dio è rappresentato da Shiva e il suo potere è rappresentato dalla sua consorte, Shakti o Durga o Kali.

KALI

Nei Shiva Purana si racconta che dopo una battaglia contro i Demoni, Madre Kali era così eccitata che non si sapeva come fermarla nella sua distruzione.

Ella danzò fino a quando la terra tremò e cominciò a sgretolarsi. Alla richiesta degli Dei Shiva le chiese di fermarsi. Presa dal suo eccitamento non diede retta a Shiva.

Shiva allora si distese per terra vicino ai morti di fronte ai suoi piedi. Kali continuò la sua orgia selvaggia fino a che si accorse del marito sotto i suoi piedi. Accorgendosi che stava per calpestare Shiva medesimo, tirò fuori la lingua con stupore e si fermò.

La Madre Kali danza sul petto di Shiva. Essa è una forma terribile ma in verità non è veramente terribile. Essa è tutta misericordiosa e gentile. Essa indossa una ghirlanda fatta di teschi. Cosa significa? Essa indossa le teste dei suoi devoti. Quanto amorosa ed affettuosa essa è con i suoi devoti! Kali è la Madre Divina. Essa è la Shakti o il potere del Dio Shiva. Essa è l’aspetto dinamico di Shiva.

Shiva è l’aspetto statico. Il Signore Shiva è come un corpo morto. Cosa significa?

Egli è assolutamente calmo, senza movimento, senza respiro, con gli occhi chiusi in Samadhi. Egli è senza azione, senza cambiamento. Egli non è toccato dal gioco cosmico o Lila che va avanti in eterno, sul suo petto. La Madre è l’incarnazione di affetto, tenerezza ed amore. Essa esaudisce il volere dei bambini.

Ogni volta che un bambino vuole qualcosa va prima dalla madre e non dal padre.

Anche nelle cose spirituali l’aspirante ha più riguardo con la Madre Divina Kali che con il Padre Shiva. Shiva è indifferente al mondo stesso. Egli è preso in Samadhi, con gli occhi sempre chiusi.

E’ Shakti o la Madre Divina soltanto che si occupa degli affari del mondo. Ella si rivolge al Suo Signore per l’ottenimento della finale emancipazione.

MADRE GANGA

Il Gange è il fiume più sacro in India. Gli Indu credono che tutti i peccati sono lavati via se fanno un bagno nelle sacre acque. Tempo fa il saggio rishi Agastya bevve tutto l’oceano. Lo fece in buona fede ma il risultato fu che la terra si inaridì.

Così un santo uomo di nome Bhagiratha fece austerità per far discendere direttamente dal Paradiso, Madre Ganga. Ciò non era possibile perché una discesa così immediata del Gange avrebbe provocato ben più seri disastri. L’unica possibilità era che solo Shiva poteva mantenere nei suoi capelli aggrovigliati l’irruenza della discesa del Gange. Bhagiratha fece ulteriore Tapasia (austerità) e il Signore Shiva acconsentì.

Così il Gange, filtrato dai capelli di Shiva, gentilmente scese sull’Himalaya.

Shiva è anche chiamato Ganga-Dhara, il portatore del Gange.

RUDRAKSHA (occhio di Shiva)

Hari Om! Io prego il Dio Shiva conosciuto con il nome Maharudra e con il nome Kalagnirudra.

Bhusunda chiese al Signore Kalagnirudra: “Qual è l’origine dei semi di Rudraksha? (le cui bacche servono a fare rosari shivaiti). Qual è il beneficio nel portarle sul corpo?”

Il Signore Kalagnirudra gli rispose così: “Io chiusi i miei occhi per il bene di distruggere gli Asura Tripura. Dai miei occhi così chiusi, gocce di lacrime caddero sulla terra. Quelle gocce di lacrime si trasformarono in semi di Rudraksha.”

Alla sola pronunzia della parola “Rudraksha” uno acquista benefici. Nel vedere e toccare ciò, uno acquista doppi benefici.

Questa Rudraksha distrugge i peccati dei devoti, commessi giorno e notte, portandola addosso. Ma ciò sarà mille volte più benefico facendo il rosario di Rudraksha e portandolo addosso tutto il tempo.

IL DUNI (fuoco sacro)

La tradizione indiana conserva il ricordo dei Rbhu, i sapienti che per primi seppero controllare il fuoco e quindi creare il “focolare domestico”.

Il Fuoco esiste solo distruggendo il combustibile che lo fa vivere, consumando l’oblazione. Tutto l’universo cosciente, o inconscio, non è che fuoco e oblazione.

Il Sole rischiara solo distruggendo la propria sostanza.

Il Fuoco è il simbolo del sacrificio universale, della distruzione allo stato puro.

Rappresenta una specie di limite tra due stati d’essere, quello del creato e quello degli dei. Gli dei sono al di là del fuoco e si nutrono del fumo delle oblazioni. Ogni offerta agli dei passa per la bocca di Agni (dio del Fuoco).

Solitamente un Duni è collocato al centro di una stanza per dar modo ai devoti di girare intorno mantenendo la destra verso il “focolare”.

In ogni tempio Shivaita c’è un Duni per le oblazioni (offerte).

Lo Yogi o il Sadhu Baba (monaco) è il celebrante ed è il tramite con i Deva.

IL RITO DEL CILOM

Il cilom è una pipa e serve per fumare la Ganja (erba).

Nella religione Shivaita è un oggetto, per celebrare la gloria di Shiva.

Come nella religione cristiana il calice e l’ostia sono la comunione con il Divino, così per gli Shivaiti lo è il chilom.

Il chilom è Shakti. Quello che brucia è Shiva.

Ci si siede intorno ad un Duni e prima di accendere il cilom si acclamano i nomi di Shiva e della sua consorte Parvati. I mantra più conosciuti sono:

Bom Shankar, Bolenat, Shambo, Alak Naranjan.

O i luoghi delle sue dimore: Kailash, Kasi, ecc..

SHIVA E VISHNU SONO UNO

Uno shivaita è un devoto del Dio Shiva. Un vaishnava è un devoto del Dio Vishnu.

Un bigotto shivaita non prega Vishnu, non legge i Purana su Vishnu, non entra mai in un tempio vaishnava. Parla male di Vishnu.

Così un bigotto vaishnava cerca di evitare i shivaiti e parla male di Shiva.

Non è questa la più alta delle follie? Non è ciò la più alta ignoranza?

Egli non ha capito la vera natura del Signore Shiva.

Perché nei Veda è scritto chiaro: “Quando Shiva medita, Egli medita su Vishnu, così quando Vishnu medita, medita su Shiva. Vishnu è il più grande devoto di Shiva e Shiva è il più grande devoto di Vishnu”.

Vishnu è il cuore di Shiva e viceversa Shiva è il cuore di Vishnu.

Shiva e Vishnu sono uno e la stessa entità.

Essi sono essenzialmente Uno e lo stesso.

Essi sono solo nomi dati per i differenti aspetti del tutto pervadente Supremo Spirito.

IL RITO DEL FUOCO SACRO

OM Namah Shivaya

Hara Hara Mahadeva

Shiva Shambo

Kashi Vishvanath Ganghe

OM Guru Brahma Guru Vishnu

Guru Deva Maheshwara

Guru Shaksat Parambrahman

Tatsmai Sri Gurudev Namah!

Omaggio e saluto al Sacro Fuoco. Un fuoco, un Dio, un mondo, un popolo. Ignoranza trasforma l’Uno in molti.

Come il fuoco brucia, noi distruggiamo delusione e schiavitù, lasciando solo la bianca cenere della liberazione.

Lascia che il fuoco distrugga il freno dei sensi, tirandoci qui e là in schiavitù…

Nel Sacro Fuoco la mente rigenera, pronta ad ottenere la visione della realtà.

Come bruciando, il Fuoco si libera del combustibile, così possa l’umanità essere liberata da schiavitù.

Lascia il Fuoco bruciare ogni Karma ed i loro poteri, liberandoci per ottenere equilibrio e liberazione.

La fiamma nel Fuoco è il simbolo di saggezza.

Così il Sacro Fuoco lascia la coscienza interiore infuocarsi.

Realizzazione dell’Io è immortalità e la suprema realizzazione è spontanea.

Senza parole, il Fuoco brucia senza intenzione.

In Samadhi noi otteniamo quello stato di beatitudine.

Come il Duni è il simbolo di Shakti, la Fiamma è il Lingam del Dio Shiva.

Così sopra, così sotto il combustibile si trasforma in cenere.

Tutti i mondi dell’Universo diventano polvere.

Come il Fuoco prende la forma del combustibile che consuma, l’anima immortale prende la forma del corpo.

Come la fiamma passa agli altri pezzi di legno, così l’anima immortale passa di corpo in corpo.

Omaggio e saluto al Sacro Fuoco.

Bevi attraverso il nettare di Immortalità tu sei il Sacro Fuoco di Eternità.

Così Sacro Fuoco illumina tutti i mortali.

OM Namah Shivaya

OM Shanti Shanti OM

OM GURU – GURUJI – KO ADESH

Locations

Temple Kalimandir
Type: 
Temple
Details: 

The Temple Kalimandir, dedicated to the worship of Shiva and Kali, is a place open to the devotees of the Hindu religion and is also open to anyone professing other religions, as long as they respect the place of worship.

The temple is home to pilgrims of all kinds, which is given full and free opportunity to pray, eat and rest. Devotees receive full acceptance within the Community of the Temple, whose construction, maintenance and expansion of each part, depending on the their possibilities.

Il Tempio Kalimandir è esclusivamente dedicato al culto di Shiva e Kali, è un luogo aperto ai devoti di religione Hindu ed è altresì aperto anche a soggetti professanti altre religioni, a patto che rispettino il luogo di culto; l’Associazione svolge attività di accoglienza e ascolto di chiunque si avvicina al Kalimandir.
Il Tempio ospita pellegrini di ogni tipo, ai quali è data piena e libera possibilità di pregare, ristorarsi, e riposare; i devoti ricevono piena accoglienza all’interno della Comunità del Tempio, alla cui costruzione, mantenimento ed espansione ognuno partecipa, a seconda delle proprie possibilità.

Address: 
Rome, , Italy